Solliciteren bij de Partij voor de Dieren banner

Worldlog 23 gennaio 2017

  • 100 anni di diritto di voto per la donna -
  • Elezioni nazionali 2017 -
  • Emancipazione della donna -
  • Ormone dal sangue equino -
  • PMSG -
  • Programma elettorale ‘Piano B’ -

Non manca molto tempo per le elezioni olandesi. Il 15 marzo si terranno le elezioni nazionali per la Camera. Il Partito per gli Animali naturalmente partecipera’! Nelle prossime settimane faremo la campagna elettorale e dimostreremo alla gente il nostro programma elettorale chiamatosi ‘Piano B’, poiche’ non esiste nessun pianeta B.

Io ho di nuovo l’onore di essere leader del Partito per gli Animali. Nei prossimi Worldlog leggerete soprattutto sulla nostra campagna e su tutte le attivita’ che faremo. Per ora potete gia’ leggere l’introduzione al programma elettorale Piano B qui. L’intero programma e’ stato tradotto anche in inglese e lo potete trovare qui.

 

 

 

 

Grazie ad una petizione che e’ stata condivisa molto spesso, e’ nata della commozione la settimana scorsa sul Pregnant Mare Serum Gonadotropin (PMSG). PMSG e’ un ormone dal sangue di cavalli incinte. Questo ormone viene utilizzato nei Paesi Bassi e nella Germania nel settore dell’allevamento di bestiame per rendere piu’ fertili gli animali. Per ottenere l’ormone, viene preso del sangue in grandi quantita’ e sotto circostanze orrende da cavalli incinte. Vedete qui e qui. In seguito alle domande nella Camera del Partito per gli Animali, il governo olandese ora si impegna per un divieto!

 

 

 

 

 

 

 

In una sola settimana la petizione per il divieto di PMSG e’ stata firmata da oltre 1.5 milioni di persone europee.

Esattamente un secolo fa e’ stato dato alla donna il diritto di votare nei Paesi Bassi. In onore di questo giubileo, l’artista Joost Veerkamp ha creato il ritratto qui sotto di me.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ora, cent’anni dopo, l’emancipazione della donna non e’ ancora finita. Gli stupendi di donne e uomini per esempio non sono tutt’ora equivalenti, neanche tra persone con la stessa formazione o capacita’. In molti settori esiste ancora una cultura professionale che rende difficile per la donna (o per l’uomo) combinare il lavoro con la famiglia.

Giuradiamo ad esempio la politica. Nei Paesi Bassi il numero di donne nella Camera e tutt’ora meno della meta’. Dei 17 leader di partito sono l’unica donna. La politica sembra un’affare da uomo, dove vengono tollerate le donne, ma giocano un ruolo inferiore.

Personalmente mi sono sempre fatta ispirare molto dalla “politica espressiva” del primo movimento di emancipazione: criticare le ingiustizie, prendere posizioni di principio ed influire profondamente l’agenda politica. Quando siamo arrivati nella Camera con il Partito per gli Animali, il benessere degli animali era irrelevante. Oggi e’ una preoccupazione condivisa da molti. Mi auguro molto piu’ donne nella Camera!

Un cordiale saluto,

Marianne