Solliciteren bij de Partij voor de Dieren banner

Worldlog Esther Ouwehand 25 dicembre 2018

  • Beirut -
  • Conferenze su "Diritti degli animali ed un futuro sostenibile" -
  • Fare ascoltare tutti governi il discorso dell'attivista per il clima Greta Thunberg -
  • Proiezione all'aperta Dominion vietata all'Aia -
  • Proiezione del documentario "Dominion" -
  • Ricerca consiglia alimentazione vegetale per salvare la terra -
  • Sarajevo -

Questa ultima settimana di dicembre è per molti nel segno della solidarietà, facendo qualcosa di buono per qualcun altro e sperando in un nuovo anno pacifico e felice per tutti. Quanto insopportabile è che mentre sto scrivendo questo, più di 134.000 animali al minuto vengono uccisi in tutto il mondo e miliardi di altri devono soffrire nel settore del bestiame?  Queste vittime troppo spesso sono dimenticate durante il mese di dicembre. Questo è il motivo per cui abbiamo prestato particolare attenzione a loro questo mese.

La scorsa settimana abbiamo distribuito lettere di Natale ai parlamentari olandesi. Sul retro di tutte le lettere c’erano diverse fotografie che mostrano come vivono gli animali nel nostro paese. Di certo non era un’immagine natalizio e certamente non delle belle foto. L’intenzione era di affrontare i parlamentari con la miseria che i nostri animali devono sopportare ogni giorno, proprio prima che essi, durante una votazione per appello nominale, si esprimessero su alcune delle nostre mozioni per aiutare gli animali. In questo modo, volevamo chiedere ai nostri colleghi di mostrare coraggio e di pensare veramente alla responsabilità che hanno per il destino degli animali nel nostro paese, invece di seguire ciecamente ciò che dice il portavoce agricolo del loro partito. Dopo la pausa natalizio vedremo se i nostri colleghi hanno veramente capito il pensiero natalizio di compassione e pace.


Lettera di Natale

Poiché per gli animali e il nostro pianeta è di vitale importanza che anche politici e governi di altri paesi adottino scelte sostenibili e rispettose degli animali, questo mese abbiamo organizzato una conferenza a Beirut (Libano) e Sarajevo (Bosnia ed Erzegovina) con il tema “Diritti degli animali e un futuro sostenibile “. In entrambi paesi si è visto nuovamente molto chiaro: compassione è universale. Durante entrambe le conferenze si sono riunite dozzine di persone fantastiche di diversa provenienza per partecipare a seminari e scambiare conoscenze. Il tutto con lo scopo di mantenere la nostra terra vivibile e proteggere meglio gli animali.

A Beirut si è presentato perfino anche il responsabile per il benessere degli animali del ministero per l’agricoltura libanese. Il Libano non è esattamente conosciuto per il benessere degli animali, ma egli ha ricevuto un messaggio importante da Joseph Poore, uno dei relatori e ricercatore dell’Università di Oxford: “Anche le opzioni di carne più rispettose del clima producono ancora più gas serra rispetto alle fonti di proteine vegetali, come fagioli e noci. Passare ad una nutrizione vegetale è il modo più efficace per contribuire a risolvere problemi come i cambiamenti climatici e la perdita di biodiversità. Ciò ci consente, per esempio, di risparmiare enormi quantità di acqua, ridurre l’inquinamento e prevenire la deforestazione. Inoltre, riduciamo del 75% la quantità di terreno agricolo necessario per il nostro cibo”.

Poore ha presentato i risultati della sua recente e pionieristica ricerca sull’impatto di ciò che mangiamo sul nostro pianeta. La ricerca mostra: ognuno di noi può fare un’enorme differenza positiva mangiando vegetale. Sulla base della ricerca di Poore, la BBC ha pubblicato  una calcolatrice online con la quale chiunque può calcolare l’impatto del proprio cibo sull’ambiente. Comodo durante la cena (di Natale)!


Ospiti della conferenza provenienti da 13 diversi paesi a Beirut, uniti per una migliore protezione degli animali e del nostro pianeta

A Sarajevo abbiamo anche tenuto una conferenza stimolante, in collaborazione con l’organizzazione locale per i diritti degli animali “EVA”.  Uno dei relatori era Luka Oman, fondatore della più grande organizzazione per i diritti degli animali in Croazia e nella regione (Animal Friends Croatia), un vegano convinto e consulente nel campo del benessere degli animali per il Ministro dell’Agricoltura croato. Che storia ispirante ci ha raccontato quest’uomo! Quando era un adolescente, decise di non mangiare più animali. A quell’epoca non c’erano né Google né internet e i medici gli dissero che sarebbe sopravvissuto per un massimo di due settimane senza carne. Luka credette ai dottori, ma decise di scegliere per la compassione. “Piuttosto, fai la cosa giusta e muori, che avere sulla coscienza per il resto della mia vita tutta la sofferenza che gli animali viene fatto”. Alcuni anni fa, Luka decise di creare la prima organizzazione per i diritti degli animali in Croazia. Era tutto solo e il suo ambiente rideva di lui. Nel frattempo, è alla guida della più forte organizzazione per i diritti degli animali nella regione e come consigliere del ministro se ne occupa che gli animali e gli ambientalisti sono ascoltati seriamente nella politica. Anche al nostro ministro dell’agricoltura serve un consigliere cosi!


Ospiti della conferenza a Sarajevo

Il nostro deputato Christine Teunissen ha tenuto a Sarajevo la prima conferenza assoluta nel paese sui diritti degli animali. Nel municipio storico della capitale bosniaca, proprio accanto alla camera del sindaco. La sua chiamata a unirsi per il nostro pianeta e -tutti- i suoi abitanti fu accolta con grande entusiasmo. Tutti gli ospiti potevano gustare deliziosi spuntini di verdure dal servizio di catering bosniaco “Biona”, che lavora esclusivamente con prodotti vegetali, biologici e il maggior numero possibile di prodotti regionali. Che bello vedere iniziative così positive ovunque!

Nessun altro film ci confronta così forte con quel che facciamo subire agli animali come il documentario Dominion. Proprio per questo motivo volevamo mostrare questo documentario a quante più persone possibile nel mese di dicembre. Durante la mia visita a New York, ho mostrato il film vicino alla sede delle Nazioni Unite. Questo mese abbiamo anche proiettato il film anche a Beirut e Sarajevo e con un successo travolgente: entrambi i cinema erano pieni. A Beirut l’interesse era così grande che abbiamo dovuto pianificare rapidamente una seconda proiezione per dare a tutti la possibilità di vedere il film. Il film ha portato alla luce molte emozioni, ma in entrambe le città la conclusione del pubblico è stata: dobbiamo cambiare drasticamente il nostro sistema agricolo e Dominion deve essere mostrato ovunque, anche nelle scuole. è incoraggiante vedere che tutti, indipendentemente dalla nazionalità, dalle convinzioni religiose e dal contesto, erano disposti a fare una scelta diversa nella sua dieta dopo aver visto Dominion.


Proiezione di Dominion a Beirut

Mentre la proiezione del documentario in Libano, Bosnia ed Erzegovina si è svolta senza problemi e il pubblico ha addirittura incoraggiato, la proiezione nel nostro paese è stata sventata. Qui volevamo mostrare il film su un grande schermo all’Aia, nel centro del potere politico, vicino all’edificio del parlamento. Con nostra sorpresa, il sindaco dell’Aia ha deciso di vietare questo display all’aperto. La realtà quotidiana degli allevamenti di bestiame che il film mostra è, secondo il sindaco, “troppo scioccante per i cittadini che sono in giro per fare shopping”. UN ragionamento assurdo evidentemente. Se una pratica è troppo scioccante per dimostrarlo, devi vietare la pratica e non la sua proiezione. Abbiamo comunque proiettato il film, ma in un edificio universitario, vicino al parlamento. Il sindaco è arrivato solo per l’inizio del film, ma speriamo che presto guarderà il film per intero e userà i suoi poteri in futuro per proteggere gli animali anziché l’industria del bestiame.


Greta Thunberg

Tutto sommato una chiusura promettente del 2018. Ci sentiamo rafforzati da tutte quelle meravigliose persone che stanno combattendo in tutto il mondo per un futuro migliore per tutti: uomini e animali. Siamo lieti che sempre più giovani si oppongano all’attuale politica distruttiva dei nostri governi. In precedenza abbiamo ricevuto la quindicenne Greta Thunberg nel parlamento perché pensiamo che abbia qualcosa di molto importante da dire. Durante il vertice sul clima delle Nazioni Unite a Katowice, in Polonia, ha fatto un discorso che ha colpito tutti.

Un discorso che dovrebbe essere ascoltato da tutti i politici responsabili della condizione della nostra terra. Questo è il motivo per cui l’intera frazione del Partito per gli Animali ha presentato questo discorso al governo olandese attraverso 16 (!) serie di interrogazioni parlamentari. Cosi tutti i ministri devono ascoltare il suo discorso e rispondere ufficialmente. Speriamo che altri parlamenti seguiranno il nostro esempio in modo che tutti i governi di tutto il mondo siano costretti ad ascoltare questo meraviglioso attivista per il clima di 15 anni. Prendiamoci cura insieme!

A nome del nostro team del Partito per gli Animali, auguro a tutti voi un nuovo anno amorevole, pacifica e amichevole per gli animali.

 

Esther Ouwehand

Capogruppo della frazione nel parlamento del Partito per gli Animali